© 2014 by Vivi Shenzhen

Logo designed by Marzia Lo Piccolo

Website designed by  Paola Sellitto

Vivi Shenzhen

Business & Lifestyle a Shenzhen

vivishenzhen@yahoo.com

 

 

Aire: Che cosa è e perché iscriversi

June 27, 2019

 Gli italiani che scelgono o decidono di trasferirsi all’estero, per i motivi più disparati, sono numerosi ed in continua crescita. Tra i doveri civici di un cittadino italiano che emigra e risiede all’estero c’è quello di regolarizzare la propria posizione, anagrafica e fiscale, iscrivendosi all’AIRE.

 

Chi vive all'estero sicuramente avrà sentito parlare dell’Aire, ma non a tutti è chiaro di che cosa si tratta in realtà. L’AIRE (acronimo di “Anagrafe Italiani Residenti all'Estero”) è l'elenco dei cittadini residenti all'estero il cui periodo è superiore ai 12 mesi e fornisce dati ufficiali degli espatriati italiani che vivono fuori dal territorio italiano.

La poca chiarezza che aleggia intorno a questa questione spinge molti italiani non iscriversi, ma cosa comporta iscriversi all'aire?

 

 Prima di tutto bisogna dire che” l’Iscrizione all'Aire è un diritto-dovere del cittadino e costituisce il presupposto per usufruire di una serie di servizi forniti dalle Rappresentanze Consolari all'estero, nonché per l’esercizio d’importanti diritti”, come:

 

-la possibilità di votare per elezioni politiche e referendum per corrispondenza nel Paese di residenza, e per l'elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo nei seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all'U.E.;

 

-la possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché certificazioni;

 

- la possibilità di rinnovare la patente di guida (solo in Paesi extra U.E.; per i dettagli consultate la sezione Autoveicoli - Patente di guida

https://conscanton.esteri.it/consolato_canton/it/i_servizi/per_i_cittadini/patente-di-guida.html).

 

Tutti i cittadini che intendono spostare la propria residenza all'estero per un periodo superiore a un anno devono iscriversi all'Aire così anche i cittadini italiani nati all'estero che da sempre residenti al di fuori del territorio italiano o chi acquisisce la cittadinanza italiana all'estero e va dichiarata all'ufficio consolare competente per territorio entro 90 giorni dall'espatrio o quando ci si sposta da un paese all'altro.

L'iscrizione all’Aire e’ gratuita e comporta la cancellazione dall'anagrafe della popolazione residente del comune italiano e l'inserimento del proprio nome nei registri di iscrizione all'Aire. L'iscrizione viene effettuata a seguito di una dichiarazione fatta all'ufficio consolare competente. Il modello di richiesta, reperibile sui siti degli uffici consolari, va allegato alla documentazione che provi la Reale residenza nella circoscrizione consolare (es. certificato di residenza rilasciato dall’autorità estera, permesso di soggiorno, carta di identità straniera, bollette di utenze residenziali, copia del contratto di lavoro, ecc.). Qualora la richiesta non sia presentata personalmente va altresì allegata una copia del documento d’identità del richiedente.

 

Fa parte dei doveri del cittadino l'aggiornamento dell'A.I.R.E.

Dover tempestivamente comunicare all’ufficio consolare:

- il trasferimento della propria residenza o abitazione;

- le modifiche dello stato civile anche per l’eventuale trascrizione in Italia degli atti stranieri (matrimonio, nascita, divorzio, morte, ecc.);

- il rientro definitivo in Italia;

- la perdita della cittadinanza italiana.

 

Il mancato aggiornamento delle informazioni, in particolare di quelle riguardanti il cambio di indirizzo, rende impossibile il contatto con il cittadino e il ricevimento della cartolina o del plico elettorale in caso di votazioni. È importante che il connazionale comunichi il proprio indirizzo in modo corretto e completo attenendosi alle norme postali del Paese di residenza. L'invio dei documenti può essere eseguito in diverse modalità previste dall'Ufficio Consolare competente.

 

Cosa comporta iscriversi all’Aire?

 

Assicurazione sanitaria

Se non si è né pensionati, né lavoratori in distacco, cioe’ quando il datore di lavoro invia un suo dipendente a lavorare temporaneamente in un paese dell'UE diverso dal suo, si perde il diritto all’assistenza sanitaria in Italia e non e’ prevista la copertura sanitaria all’estero a carico dello Stato italiano.

Si perde il diritto al medico di base all'assistenza ospedaliera e tramite mutua e l'acquisto di medicinali dietro pagamento ticket, chi vive in un paese extra UE perde anche il diritto alla tessera europea di assicurazione malattia che garantisce assistenza sanitaria negli Stati membri dell’EU.

I cittadini italiani iscritti all'aire che rientrano per un breve periodo in Italia possono ricevere l'assistenza sanitaria gratuita da parte del servizio Nazionale sanitario facendo l’autocertificazione che si risiede all’estero, però è un’assistenza limitata, le prestazioni ospedaliere urgenti periodo non superiore ai 90 giorni e tale legge è applicata sia agli adulti sia ai minori. Il tutto si può risolvere con delle Assicurazioni Private.

 

Il voto all'estero

I cittadini Aire possono votare per corrispondenza in occasione delle Elezioni Parlamento italiano e referendum, mentre per tutti gli altri tipi di votazioni bisogna rientrare in Italia.

 

 

Rinnovo documenti

L'iscrizione all'Aire permette di ottenere dai rappresentanti consolari all'estero il rilascio o rinnovo dei documenti d'identità, di viaggio, di certificazione e nei paesi non appartenenti all'Unione Europea possono anche richiedere il rinnovo della patente di guida.

 

Obbligo scolastico

Nel caso dei minorenni, attraverso l'iscrizione all'Aire, non avranno il dovere d'iscriversi alla scuola dell'obbligo in Italia. In caso contrario, infatti, le scuole potrebbero segnalare la mancata iscrizione. Si ricordi che l'inosservanza dell'obbligo dell'istruzione dei minori da parte del genitore è considerata reato.

 

Rimborso Iva

Gli italiani iscritti all'aire possono chiedere il rimborso dell'IVA pagata sui prodotti comprati in Italia. Bisogna presentare al commerciante italiano il proprio passaporto aggiornato con l'indirizzo estero di residenza o un certificato di residenza all'estero richiedere il rilascio di una dichiarazione di esenzione iva. Tale documento va presentato in aeroporto alle autorità doganali cui si chiede il rimborso.

Vi suggeriamo sempre di consultare il sito e contattare direttamente l'ufficio consolare di competenza per qualsiasi informazione.

 

Conoscere, con chiarezza, i diritti e doveri cui siamo soggetti ci aiuta a evitare errori e vivere meglio la nuova vita all’estero.

 

Fonti: https://serviziconsolarionline.esteri.it/

https://www.esteri.it/mae/it/servizi/italiani-all-estero/aire_0.html

Aire: Che cosa è e perché iscriversi

 

 

 

Please reload

Aire: Che cosa è e perché iscriversi

June 27, 2019

1/10
Please reload

February 25, 2019

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now