© 2014 by Vivi Shenzhen

Logo designed by Marzia Lo Piccolo

Website designed by  Paola Sellitto

Vivi Shenzhen

Business & Lifestyle a Shenzhen

vivishenzhen@yahoo.com

 

 

Intervista sul marito cinese - Prima Parte / Interview: My Chinese Husband - First Part

November 24, 2016

Prima parte

Vivendo all’estero tutti gli aspetti della propria vita vengono coinvolti, incluso quello sentimentale. A Shenzhen, come in molte altre città, si vedono coppie miste, in particolare uomini sposati\impegnati con donne asiatiche, ma di meno l’inverso.

Quest’intervista, fatta a due coppie miste dove lei è occidentale, ha l’intento di analizzare aspetti poco discussi che vanno al di là dell’aspetto romantico. Il seguente articolo ha, dunque, come protagoniste due donne occidentali, un’americana e un’italiana. Indicherò con l’A = americana e I = italiana in modo da rispettare la loro privacy.

Dato che le risposte sono lunghe si è deciso di dividere l’intervista in due parti.

La prima parte verterà sulla relazione e la seconda sulla famiglia con figli.

   E’ stato amore a prima vista?

A: Assolutamente no. Come molte donne occidentali penso di non essere attratta dall’uomo asiatico. E’stata la sua personalità e i suoi modi a farmi innamorare di lui.

I : Credo di sì, considerato che è bastata una settimana per farci sentire molto legati. Sarà stata la curiosità a spingerci ad avvicinarci l’un l’altro, ma di fatto siamo ancora insieme dopo un bel po’ di anni.

 

   Che differenza c’è nel corteggiamento tra un uomo occidentale e un uomo cinese?

A: I cinesi sono seri fin dall’inizio e sentire parlare di matrimonio e figli al primo appuntamento mi ha un po’ spaventato, ma in Cina ciò è piuttosto comune.

I: Ritengo che sia una questione di carattere. Ci sono cinesi estroversi e italiani introversi, come è vero anche il contrario. Il modo di corteggiare credo sia più legato ai modi di fare della persona, piuttosto che alla cultura di provenienza in sé.

   

   

 Quale reazione hanno avuto i vostri genitori e amici sulla vostra relazione?

A: Sono stata alquanto sorpresa di come hanno accettato facilmente la nostra relazione i miei genitori e amici. Vivendo in Cina da un po’ credo che loro si aspettavano che mi sarei potuta innamorare di un cinese. La gente ci ha fatto tante domande, molte delle quali personali secondo la mia cultura, poiché la nostra unione non è molto comune, la curiosità ha spesso avuto il sopravvento sull’educazione.

I: Di curiosità credo, da entrambe le parti.

 

   Quale idea lui ha del matrimonio?

A: Avendo vissuto entrambi da soli prima di sposarci nessuno dei due ha davvero seguito la propria tradizione. Al dire il vero è mio marito che si occupa di cucinare e pulire la casa quando sono ancora al lavoro.

I: Abbastanza tradizionale, come d’altronde lo è per me. Sente l’onere di portare a casa la busta paga, così come vede naturale che io da mamma stia vicina ai figli. Su questo siamo abbastanza d’accordo. Non si oppone all’idea che io possa tornare a lavorare un giorno, ma non mi mette alcuna fretta né pressione.

 

   

 In quale cultura avete celebrato le nozze?  Se in entrambe quali sono le differenze?

A: Il matrimonio civile èstato celebrato in Cina ed è stato sorprendentemente rapido, solo alcune firme e timbri. Sono contenta che siamo riusciti a celebrare entrambe le cerimonie andando a bilanciare la semplicità del rito civile con quello romantico della chiesa occidentale.

I: Ufficialmente i documenti del matrimonio sono stati firmati con rito civile in Italia. E’ stata una bella cerimonia, in stile assolutamente tradizionale, sposo che attende la sposa davanti al funzionario, scambio delle fedi, corteo nuziale fino al ristorante ecc. In Cina c’è stata ugualmente una cerimonia in stile tradizionale. Lo sposo va a prendere la sposa a casa, poi insieme si recano nella loro nuova casa ad accogliere i parenti e gli amici più stretti. Infine, il corteo nuziale fino al ristorante. Lì piccola cerimonia per consolidare l’unione e poi il banchetto nuziale.

 

Interview: Chinese Husband - First Part

 

When living abroad all aspects of our lives are affected, included the romantic one. This interview is intended to help us consider some topics that could be issues within interracial relationships; we will explore the specific case of a western woman and Chinese man.

 

Our interview guests are two western women, one Italian and the other is American. In order to give privacy to our guests, l will refer to them with I as Italian and with A as American to keep their identity hided and allow them to speak freely.

 

As the topic is very interesting and the answers are quite long we are going to divide this interview in two parts. The first part is about  relationship and the second part is  family and kids.

 

   Was it love at first sight?

A:Not at all, I think like many Western women I had always told myself I wasn’t attracted to Asian men. It was more his personality and actions that I fell in love with over time.

I: I think so, considering that one week was enough for us to feel close to each other. Perhaps due to some sort of curiosity, but as a matter of fact we are still together many years later.

 

   

    What is the difference between a Chinese man and Western man when he courts a woman?

A:Chinese men get very serious very quickly. Normally I would be scared off by a man that talked about marriage and children on a first date, but this seems to happen often in China.

I: In my opinion this has something to do with one person’s character. Finding an outgoing Chinese man has become as usual as bumping into a very shy Italian guy. The wording may be different, of course, but the emotions that are shared are exactly the same. 

 

   How did your parents and friends react about your relationship?

A:I was actually very surprised how accepting my friends and family were with my husband! I think after I moved to China and lived here awhile they slowly accepted that I may end up with a Chinese man. People did have a lot of questions, many very personal to ask in my culture, but the fact that this was a rare pairing made people forget their manners.

I: Curiosity, I think, from both sides

 

   What ideas does he have about the marriage roles and does this differ from your ideas?

A:We had both lived on our own and became very independent before we got married, so we don't really follow the traditional roles. To be honest, my husband does most of the cooking and cleaning around the house while I work longer hours.

 I: Quite traditional. He feels the responsibility to bring home the money, and he sees it as natural that a mom should take care of the kids. We are aligned on this. Certainly, he wouldn’t have anything to say should I decide to go back to work one day, but I don’t feel any kind of pressure to take this step, luckily.

 

   

    In which culture did you have the wedding? If you had both celebrations, what were the differences?

A:The legal marriage in China was over before I knew it started; just a few signatures and stamps. I am glad we did both celebrations to balance out the business style of the legal wedding with the romance of a Western church wedding.

I: Officially, the papers were signed in Italy, according to a civil ceremony. Everything was very traditional, the groom waiting for the bride at the altar, the ring exchange, the wedding parade to the restaurant etc. In China we had a traditional wedding, too. My husband went to pick me up at my house, then we left together to our new home, to greet relatives and the closest friends. A car parade to the restaurant followed. Finally, the ceremony with ring exchange and wishes came, just before the banquet.

 

Please reload

Aire: Che cosa è e perché iscriversi

June 27, 2019

1/10
Please reload

February 25, 2019

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now